Manuela Caretta

Manuela Caretta
Sketchbook


copertina_caretta

STORIE DI PIETRE, CANI, GATTI, DONNE E BAMBINI
(dall’introduzione di Paolo  Venti)

Sono racconti davvero brevi questi di Manuela Caretta, storie minuscole, con la minuscola, verrebbe da dire, volutamente girate in forma di clip, stilizzati in punta di matita. Storie che appena iniziano, a volte microstorie che occupano poche righe fra una riflessione iniziale e la ricerca finale di un “sugo della storia”. Non ci sono grandi azioni, a volte è un incontro, a volte lo spazio di una lezione, ma in quel breve tempo è come se tanta vita facesse in tempo ad entrare dalla finestra aperta, esistenze intere raccolte con dolcezza nel palmo di una mano, accarezzate, amate. Non vi è dubbio, questo è il cuore della scrittura e dell’interesse dell’autrice: le persone, l’incontro, la condivisione umana di sensazioni, emozioni anche piccole ma sempre preziose. Vi compaiono, nel breve spazio di un’entrata e un’uscita, personaggi a volte bizzarri, a volte di una normalità disarmante: la vecchia gattara dai modi bruschi, capace di intuire il dolore nel silenzio, la mamma che cerca il costume per il figlio, un vecchio spasimante che dipinge ritratti della donna amata, due vecchie sorelle novantenni, l’amica Nella dai regali miracolosi. E’ l’umanità a cui apparteniamo, quella dei nostri quartieri, che scende per strada e fa la spesa, magari zoppica, magari ama e soffre. L’orizzonte è la città, anche qui la nostra città, con quanto di anonimo, vuoto, a volte freddo ha ogni città media e grande. Persone, noi compresi, che andremmo nella tristezza dei pomeriggi camminando senza un senso, disperati forse, se non incontrassimo qualcuno, qualcun altro. E ce ne sono di potenziali disperati, anche nei racconti della Caretta, dai carcerati alle vecchie sole, dal giovane down a chi ha perso una persona cara. Eppure se vi è un elemento unificante di ogni microstoria è proprio questa piccola salvezza che ci dona l’incontro, quel regalo di condivisione e di empatia che ci fa sentire uguali, meno soli, persone.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *